biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

Coronavirus, le domande e le risposte

I libri che ci aiutano a capire meglio

Il Coronavirus è entrato all'improvviso nelle nostre vite, sconvolgendo le nostre abitudini. Molti libri ci aiutano a comprendere meglio cosa sta accadendo. La selezione riportata di seguito è rivolta non solo ai protagonisti dell'educazione e dei processi di apprendimento, ma anche agli studenti. Cominciando da 50 domande sul Corona Virus, edito da Solferino, in cui Simona Ravizza, che ha seguito la cronaca dell’epidemia per il «Corriere della Sera», interroga sei autorevoli esperti, ciascuno dei quali si è occupato dell’epidemia nella sua attività clinica e di ricerca, ponendo domande che sono nella testa di ogni cittadino e riguardano la prevenzione, le cure, la logica dei provvedimenti di ordine pubblico. Stesso obiettivo ha il libro Virus di Roberto Burioni, edito da Rizzoli, in edicola con il «Corriere della Sera». Accanto a questi volumi segnaliamo Paolo Vineis, ed il suo Salute senza confini, edito da Codice; la ricerca storica di Carlo M. Cipolla, Contro un nemico invisibile, su epidemie e strutture sanitarie nell'Italia del Rinascimento, edito da Il Mulino, e l’opera di Barbara Gallavotti, Le grandi epidemie, edita da Donzelli.

 

A cura di Simona Ravizza, 50 domande sul Corona Virus, edito da Solferino

L’emergenza Coronavirus ha travolto il Paese e i media, suscitando reazioni opposte e diffondendo convinzioni a volte non in linea con i dati scientifici. Tra social, fake news e scontri di opinioni, è difficile capire a chi affidarsi, persino su qualcosa di così cruciale per la vita dei singoli e del Paese. Simona Ravizza, che ha seguito la cronaca dell’epidemia per il «Corriere della Sera», interroga sei autorevoli esperti, ciascuno dei quali si è occupato dell’epidemia nella sua attività clinica e di ricerca, ponendo domande che sono nella testa di ogni cittadino e riguardano la prevenzione, le cure, la logica dei provvedimenti di ordine pubblico. Ne risulta un volume agile con risposte chiare e documentate, che ci offrono finalmente un quadro completo del fenomeno che sta toccando la vita di tutti.

Coordinamento scientifico di Sergio Harari

Contributi di:

Raffaele Bruno, Infettivologo, Policlinico San Matteo di Pavia

Sergio Harari, Pneumologo, Ospedale San Giuseppe di Milano

Alberto Mantovani, Immunologo, Irccs Humanitas

Giuseppe Remuzzi, Direttore Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, membro del Consiglio superiore di sanità

Michele Riva, Ricercatore di storia della medicina, esperto di prevenzione Università degli studi di Milano Bicocca

Gian Vincenzo Zuccotti, Pediatra, Ospedale dei bambini V. Buzzi, Milano

 

Roberto Burioni con Pier Luigi Lopalco, Virus - La grande sfida, edito da Rizzoli

Alla fine del 2019, i medici degli ospedali di Wuhan, nella Cina centrale, si trovano ad affrontare una strana sindrome respiratoria che pare legata al grande mercato ittico della città, dove oltre al pesce si vende ogni tipo di animale commestibile, vivo o morto. Mentre i malati si moltiplicano e alcuni soccombono a una polmonite virale particolarmente aggressiva, i laboratori riescono rapidamente a isolare il responsabile della malattia: è un nuovo coronavirus, simile a quello della SARS che tra il 2002 e il 2003 aveva spaventato il mondo. Rispetto alla SARS, la nuova malattia è meno mortale ma molto più contagiosa, e ben presto la Cina è costretta a fare i conti con quella che per le autorità è “la più grave emergenza sanitaria nella storia della Repubblica popolare” e che per l’Organizzazione Mondiale della Sanità è “una minaccia peggiore del terrorismo”. E davanti ai contagi e alle morti provocati dal coronavirus, anche l’Italia è obbligata a prendere misure senza precedenti per fermare l’epidemia. In questo libro, Roberto Burioni, insieme a Pier Luigi Lopalco, esperto epidemiologo, attinge alla sua lunga esperienza di medico e ricercatore per mostrare la natura e il funzionamento dei virus, il loro passaggio (spillover) dagli animali all’uomo, l’evoluzione delle nostre conoscenze scientifiche, gli effetti devastanti delle epidemie nella storia dell’umanità e le battaglie combattute nell’ultimo secolo contro i nostri nemici più piccoli e più feroci. Il nuovo coronavirus è una sfida alla nostra società avanzata. Non possiamo sapere quando lo sconfiggeremo, ma siamo certi di poter contare su un’arma formidabile: la scienza. L’autore devolverà i proventi che deriveranno dalla vendita di questo libro alla ricerca sui coronavirus. 

 

Paolo Vineis, Salute senza confini, edito da Codice

In un mondo globalizzato in costante mutamento, più facile da percorrere ma anche più caotico e difficile da controllare, i concetti di salute e malattia stanno cambiando: non più semplici processi biologici ma fenomeni complessi che investono la sfera ambientale, sociale, economica, politica e culturale. Oggi il cambiamento climatico, i flussi migratori, la crisi economica e l’industrializzazione della produzione alimentare sono fenomeni fondamentali per comprendere lo stato di benessere (o malessere) delle popolazioni. Paolo Vineis, epidemiologo all’Imperial College di Londra, traccia un quadro completo degli aspetti che compongono la salute globale, e propone una tesi forte sul piano politico: in un panorama così mobile e articolato, la salute a livello mondiale potrebbe andare incontro a un deterioramento simile a quanto sta avvenendo in economia. Questo libro è stato scritto anni prima che le epidemie da Coronavirus si manifestassero nel mondo. La nuova versione aggiornata che sarà in libreria in autunno.

 

Carlo M. Cipolla, Contro un nemico invisibile, edito da il Mulino

Contro un nemico invisibile. Epidemie e strutture sanitarie nell'Italia del Rinascimento: La storia dell'Europa preindustriale è dominata dal tragico susseguirsi di epidemie che costituivano non solo un terribile dramma umano, ma anche una spaventosa rovina economica. Fu sotto l'incalzare di questi eventi che presero corpo e si svilupparono per la prima volta nell'Italia settentrionale istituti e pratiche che, diffusi in seguito in tutta l'Europa, furono la base dell'organizzazione sanitaria moderna. La storia della loro creazione e del loro sviluppo è lo sfondo su cui si svolge l'azione descritta nei casi magistralmente narrati da Cipolla, storico e accademico italiano, specializzato in storia economica. Ha insegnato in Italia e negli Stati Uniti. In effetti i vari protagonisti del libro non sono i bacilli e i loro vettori - pulci, pidocchi o ratti che fossero - ma gli Ufficiali di Sanità e i loro collaboratori, tutti impegnati in una lotta disperata contro il nemico mortale e invisibile che rimase loro sempre misterioso. Se l'ignoranza della scienza medica vanificò in gran parte l'opera di questi uomini, la loro azione portò in primo piano, sia pure confusamente, il concetto di prevenzione della malattia e mise in risalto l'incidenza dei fattori di natura economica, sociale ed ecologica.

 

Barbara Gallavotti, Le grandi epidemie, edito da Donzelli

«Questo libro nasce dal desiderio di raccontare le malattie contagiose che minacciano la nostra specie, o perché si tratta di antichi nemici che ritornano, o perché in realtà sono sempre restati fra noi, o ancora perché dal “mondo invisibile” possono sempre emergere nuovi, devastanti agenti infettivi. racconteremo come funzionano i vaccini e gli antibiotici, quali effetti collaterali possono davvero avere e come vengono “inventati” dai ricercatori. Perché contrariamente agli eserciti, i microbi non firmano armistizi o capitolazioni: con loro la guerra è sempre all’ultimo sangue». Barbara Gallavotti, biologa, scrittrice, giornalista scientifica, ci ricorda che tutta la storia dell’umanità è stata una lunga battaglia contro i microbi responsabili delle malattie infettive. Una battaglia che abbiamo combattuto per decine di migliaia di anni solo con gli strumenti messi a disposizione dall’evoluzione. Nel complesso, l’abbiamo costantemente persa. I microbi infatti evolvono molto più in fretta di noi e così, storicamente, le malattie infettive hanno fatto strage. Sempre. L’evoluzione però ci ha dotato di qualcosa che i microbi non possiedono: l’intelligenza. Grazie a essa negli ultimi decenni abbiamo messo a punto strumenti in grado di proteggerci dalle infezioni che hanno sterminato i nostri antenati: principalmente vaccini e antibiotici. Eppure oggi queste straordinarie armi di difesa rischiano di perdere efficacia per la scelta di non utilizzarle o di utilizzarle in modo inappropriato. Dal morbillo alla poliomielite, dalla peste all’Hiv, l’autrice ripercorre la lunga strada che ha portato l’umanità a contrastare morbi terribili, raccontando storie e retroscena e sfatando pregiudizi ben radicati. Del resto la fiducia nella ricerca medica passa soprattutto per la conoscenza di come essa funziona, e di come agiscono i nostri minuscoli «nemici». È questa conoscenza a evitare che dati di fatto divengano materia di scontri ideologici che possono realmente mettere in pericolo le nostre vite. Il libro di Barbara Gallavotti spiega i rischi che corriamo e come evitarli. Perché ciò di cui dobbiamo davvero aver paura sono ancora le malattie, e non i progressi della ricerca e della medicina. Prefazione di Piero Angela.

 

Per spiegare il Coronavirus ai più piccoli, invece, segnaliamo la Guida Galattica al Coronavirus per bambine e bambini curiosi proposta da quattro Musei dei Bambini italiani (Children’s Museum di Verona, Explora il Museo dei Bambini di Roma, MUBA - Museo dei Bambini Milano e La città dei bambini e dei ragazzi di Genova).