biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

I commenti più recenti

  • Basta! : il potere delle donne contro la politica del testosterone

    Gruber, Lilli

    • 21-06-2021
      Gruber TOP !!!
      Il libro traccia un quadro generale è chiaro della situazione socio politica della figura femminile. Tutte le difficoltà che ogni donna più o meno con cariche socialmente importanti possono trovare ogni giorno! E detto dalla Gruber diventa tutto più credibile, perché lo scritto descrive una situazione obiettiva e Chiara
  • Il favoloso mondo di Amelie

    Jeunet, Jean-Pierre

    • 21-06-2021
      Imperdibile ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️
      Uno dei film francesi più belli che abbia mai visto in vita mia. La forma di raccontare la storia di questa ragazza Amelie è così originale ed unica! Non ti stanchi mai di rivederlo. Un classico imperdibile!
  • Cinque lezioni leggere sull'emozione di apprendere

    Lucangeli, Daniela

    • 21-06-2021
      Per docenti e genitori ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️
      Un testo che ti apre nuovi scenari sui disturbi dell’apprendimento legato alle emozioni . È un libro che ogni insegnante dovrebbe leggere, visto la richiesta eccessiva di valutazioni sui disturbi dell’apprendimento. Ben scritto, chiaro e con un linguaggio semplice e alla portata di tutti
  • Cercami : romanzo

    Aciman, André

    • 20-06-2021 Monica D'angeli
      Deludente e noioso. Libro decisamente inutile
  • Chiamami col tuo nome

    Aciman, André

    • 20-06-2021 Monica D'angeli
      Semplice ed emozionante. L'amore soprattutto, forte e motore della vita. Da adolescente ad uomo, con un finale molto tenero.
  • Raccontare : strategie e tecniche di storytelling

    Perissinotto, Alessandro

    • 20-06-2021
      La riscoperta dell'acqua calda
      Il tema del libro è la rappresentazione della realtà ricorrendo alla narrazione, vale ad una storia in cui compaiono dei personaggi che, a vario titolo, si contrappongono per conseguire un obiettivo conteso. L'autore esclude volutamente dalla sua indagine la narrazione letteraria, in quanto intende concentrarsi sull'uso della tecnica narrativa come strumento di persuasione o di introspezione. Il punto può essere chiarito meglio con un esempio: volendo illustrare la natura e le conseguenze di una certa malattia si può ricorrere ad argomentazioni scientifiche oppure alla storia di uno specifico malato. Sul piano comunicativo, sarà, evidentemente, più efficace il secondo approccio a causa del suo maggiore impatto emotivo. Il libro è diviso in due parti. La prima, di carattere teorico, presenta la struttura della narrazione ed i suoi effetti sul lettore o l'ascoltatore. La seconda, di natura applicativa, dimostra come la narrazione possa risultare un efficace strumento per migliorare l'immagine di un'azienda o di un territorio, per rappresentare in maniera più coinvolgente fatti di cronaca, per coadiuvare determinate terapie mediche oppure per svolgere forme alternative di ricerca etnosociologica. Scritto in maniera chiara, il libro sostiene delle tesi nel complesso condivisibili, e, specie per i più giovani, la sua lettura può aiutare a decodificare l'enorme volume di messaggi veicolati dai mezzi di comunicazione di massa. Disturba, tuttavia, il modo in cui viene presentata la narrazione, quasi fosse una tecnica scoperta di recente negli Stati Uniti, ed il conseguente ricorso acritico a termini inglesi che potevano tranquillamente essere tradotti in italiano, quali storytelling, fiction storytelling, para-fiction storytelling, non-fiction storytelling, frame, script, ecc. Come riconosce lo stesso autore, l'uomo è narratore dalla notte dei tempi, avendo creato miti, leggende, religioni, filosofie, ideologie, favole e racconti per spiegare la nascita del mondo, il suo rapporto con le divinità ed il creato, la vita in società o i rapporti interpersonali. Sarebbe stato, quindi, culturalmente più corretto riallacciarsi a questa tradizione millenaria piuttosto che enfatizzare le ultime mode americane.
  • Le imperfette : romanzo

    De Paolis, Federica <1971- ; Roma>

    • 20-06-2021
      Non esistono i tradimenti, esistono gli spazi
      La frase che mi ha colpito di più leggendo questi libro è stata “non esistono i tradimenti, esistono gli spazi. Ed è tra quelli che si infilano le persone”. Credo che in questa frase si racchiuda tutta l’essenza di questo romanzo e dei suoi protagonisti : Anna , Guido (suo marito), Javier (l’amante di lei), Maria Sole (l’amante di lui). L’epilogo è emozionante, come lettrice l’ho gradito e divorato le sue 300 pagine. Romanzo che ha vinto tra l'altro il premio DeA Planeta 2020. Lettura consigliata .
  • La morte e la fanciulla

    • 20-06-2021
      Una sorpresa
      Il film di Polanski risale al 1995 ma è come se fosse stato girato ieri: Paulina Escobar è stata una donna torturata e umiliata dalla dittatura ora finita, ma non ha parlato per salvare il suo uomo. Solo tre attori come fossimo a teatro. Bravissimi interpreti, bella la regia, alta la drammaticità. Me l'ero perso a suo tempo ma meglio tardi che mai.
  • Il respiro del drago

    Connelly, Michael

    • 19-06-2021
      Dario Tramacere Azione e reazione
      Che Harry Bosch sia un ottimo investigatore ed un uomo risoluto è cosa nota, ma stavolta la posta in palio è costituita dalla vita di sua figlia. La sua, quindi, diventa una ferina ed ossessionante corsa contro il tempo, costellata da scelte coraggiose ma anche da decisioni estremamente rischiose, che produrranno conseguenze gravi. In conseguenza delle quali si può parlare di un classico episodio «di svolta», quello che Lee Child definirebbe un «punto di non ritorno». Sballottato da Los Angeles a Hong Kong e viceversa, Bosch è chiamato a far luce sia su un delitto ed il mondo che sembra ruotare attorno ad esso sia sul rapimento della figlia; per scoprire, alla fine, che le apparenze possono decisamente ingannare e che, di conseguenza, si può gravemente equivocare nei rapporti di causa ed effetto, così come su altri rapporti.
  • Il dolce domani

    Yoshimoto, Banana

    • 19-06-2021
      La protagonista ha un terribile incidente in cui perde il ragazzo. La sua vita non è più la stessa, il rimpianto per tutto quello che poteva essere e non è più la annichilisce. La vita, però, si prende sempre il suo spazio. Pian piano Sayoko comincia a guardare con occhi nuovi e positivi al domani. Vivere non è tradire i ricordi, è godere il presente con i suoi doni, i momenti del giorno, la natura, l’amicizia. “Ognuno di noi vive la propria vita portandosi dietro il peso del dolore che ha provato. Ci sono anche quelli che non provano niente e che non portano alcun peso: basta un’occhiata per capire chi sono. Sembrano automi, sono diversi dagli altri. Quelli che portano un peso li riconosci dal colore, dall’incedere pieno di grazia. Ecco perché sono contenta di avere un peso da portarmi dietro. Finché avrò giorni da vivere, voglio viverli con grazia.” “Un altro giorno comincia: che meraviglia, pensai. È un meccanismo da sogno: finché vivremo, il mattino arriverà. È più di qualsiasi portento l’uomo riesca a concepire.” Sempre piaciuta la Yoshimoto, ha una grazia nello scrivere ed un’essenzialità che le deriva credo dal suo essere giapponese, nella gentilezza, nella cultura, nella semplicità. E questo libro, scritto dopo il terremoto e lo tsunami di Fukushima, è una profonda testimonianza di speranza nel futuro.
  • 1: Benedizione

    Haruf, Kent

    • 19-06-2021
      inaspettato
      Letto tutto d'un fiato. La storia di una famiglia che potrebbe essere quella di ognuno di noi e che per almeno per un dettaglio ci fa riflettere sui nostri vissuti personali.
  • Un perfetto gentiluomo

    Solomons Natasha

    • 19-06-2021
      Daniela Bertoglio Assimilazione
      Nel 1937 approdarono in Inghilterra molti ebrei tedeschi, in fuga dal nazismo: tra loro ci sono Jakob (che diventa subito Jack) e Sadie, con la piccola Elizabeth, e Jack è fermamente intenzionato a diventare al 100% British. Sadie è piena di dolore, è ancorata al passato, al ricordo dei genitori e del fratello che non erano riusciti ad ottenere un visto per l'espatrio, e sono morti senza ricevere nemmeno una degna sepoltura. Tiene in una scatola di legno poche cose, delle foto, un libro di ricette, un asciugamano, che sono il suo legame con il passato, e lo strumento per non dimenticare. Jack invece è proteso verso il futuro, che deve essere inglese. Crea una fabbrica di tappeti e moquette, si arricchisce, ma ogni suo tentativo di diventare socio di un golf club viene respinto, con scuse ridicole, così decide di lasciare la bella casa di Hampstead, e trasferirsi con sua moglie in campagna, in un villaggio sperduto nel Dorset, dove cercherà di creare lui stesso un campo da golf, del quale sarà il primo iscritto. E' un'impresa ardua, anche perché lui di golf sa poco o nulla. A poco a poco, però Jack e Sadie riescono ad ambientarsi, e a crearsi degli amici, che daranno loro una mano proprio quando tutto sembrava ormai perso. Un romanzo carino, ma che ho trovato un po' noioso in alcuni punti.
  • La settima coorte

    Bussa, Stefano

    • 19-06-2021
      Benedetto Morgera Domande senza risposte
      Piacevole sorpresa questo esordio di un autore, medico nella vita reale, prestato alla narrativa di genere. Il romanzo è risultato quinto a Masterpiece, talent non più replicato dalla Rai e andato in onda da novembre del 2013 e concluso a febbraio del 2014. I premi in palio prevedevano la pubblicazione per i tipi della Bompiani. Et voila… Un noir che parte da uno slancio di generosità del protagonista alla vigilia di Natale a Roma per precipitare in un calambour di fughe, in Italia e in Europa, alla ricerca dei motivi che si nascondono nell’arcano alla base del plot. Le pistole in azione sono ovviamente: silenziate; i servizi segreti all’opera: misteriosi; e le donne che il nostro eroe, capro espiatorio malgré lui, incontra in giro: giovani, stupende e disponibili, quasi sempre… Gli ingredienti di una spy-story ci sono tutti e offerti con garbo. La domanda che si pone Antonio Tomassini, il cardiologo protagonista della vicenda, è una: cosa si può fare per vivere veramente la propria vita e non la vita che vivono tutti? L’opportunità di cambiamento si offre/impone inaspettata, il disorientamento che ne consegue fa comprendere ad Antonio che non si può vivere un’altra vita come si partisse per una vacanza, i legami precedenti possono diventare pericolosi laccioli e rappresentare inganni ed insidie imprevedibili. Non mi considero un appassionato del genere ma il romanzo mi è piaciuto anche se, in qualche sua parte, avrebbe forse tratto beneficio da un più attento lavoro di rifinitura, di “pulizia” da quei luoghi comuni propri del genere “intrigo internazionale”.
  • Paola Cortellesi legge La sovrana lettrice di Alan Bennett

    • 19-06-2021
      Breve intervista a Paola Cortellesi.
      Non è il gustosissimo libro di Alan Bennet, ma un'intervista a Paola Cortellesi che per Emons Audiolibri ha letto il libro di Bennet. Gradevole, ma abbastanza inutile. L'audiolibro è infinitamente più interessante.
    • 18-06-2021
      Paola Cortellesi è sempre molto brava
      In quello che fa e lo fa con passione. ne consiglio la visione .
  • Il super senso

    Borzacchiello, Paolo

    • 19-06-2021 da leggere
      interessante romanzo che stimola linuaggio da usare