biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

L'anno della lepre

Paasilinna, Arto

narrativa - Iperborea - 1994

Valuta questo titolo
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Commenti
  • Chi ha letto questo ha letto anche...
Se vuoi inserire un commento a questo documento o indicare con un voto da 1 a 5 la tua preferenza inserisci il tuo codice utente e la tua password dal pulsante Accedi in alto a destra.
Non sei ancora un nostro iscritto? REGISTRATI ON-LINE!!
  • 1 / 1 utenti hanno trovato utile questo commento
    25/11/2021
      

    Un umoristico inno alla libertà

    Un giornalista di Helsinki deluso dalla vita e che non ha realizzato i suoi sogni, insegue nel bosco una lepre investita dal suo fotografo con il quale viaggiava per lavoro. E da qui inizia una nuova vita totalmente "on the road" immerso nella natura. Infatti la lepre è una scusa per abbandonare lavoro e moglie, ormai odiati entrambi. Una narrazione del paradosso, con sfondo il verde, il grigio, il bianco e l'azzurro del Paese. La prefazione di Carbone è pregevole ed attira e stimola alla lettura del romanzo, che però poi non mantiene a mio avviso la promessa fatta. Ci offre uno spaccato della cultura calvinista e delle regole, alla quale si contrappone la sregolatezza delle ubriacature del fine settimana. E l'autore si esprime contro l'establisment finlandese, quasi declinazione dell'apparato sovietico. Libro molto singolare, soprattutto tenendo conto che nel 1975 ancora non si parlava molto di ambiente e natura, che però sono al centro della scena in Finlandia. Quasi un fantasy, un libro per ragazzi fino ad un certo punto, poi troppo grottesco. Quindi strambo, piacevole , ma solo per un po'. L'idea è buona, ma forse eccessiva. Va bene leggerlo per conoscere un importante autore scandinavo nell'ambiente dominante : la natura.
    Hai trovato utile questo commento? SI NO   |   Segnala come inappropriato
  • 2 / 2 utenti hanno trovato utile questo commento

    Morena Terraschi

    Cambia il tuo avatar
    24/11/2021
      

    Quando Vatanen scende dalla macchina per soccorrere la lepre appena investita dal suo collega, probabilmente non pensa di abbandonare tutto e tutti* per un lungo viaggio lungo la Finlandia ma è proprio così che andarà. La lepre diventa l'occasione per allontanarsi da una vita che odia e costruirne una nuova: eccentrica, marginale, surreale ma anche autentica e profonda. Vatanen è un fatalista che però non subisce passivamente il mondo che lo circonda, anzi. Intraprende la sua fuga senza voltarsi indietro e senza perdere tempo in autoanalisi o elucubrazioni, un libro asciutto ma molto divertente.
    Hai trovato utile questo commento? SI NO   |   Segnala come inappropriato
  • 1 / 2 utenti hanno trovato utile questo commento
    26/02/2021
      

    Interessante (in un certo senso)

    Interessante esperimento di nuovo genere umoristico-ecologico. Si legge veloce e si dimentica presto senza rimpianti. Adatto a chi apprezza il divertimento da "commedia dei disastri".
    Hai trovato utile questo commento? SI NO   |   Segnala come inappropriato