biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

Pezzi di vetro

Mabanckou, Alain

66thand2nd - 2015

Valuta questo titolo
Al Credito a morte passa un'umanità composita, allegra e tragica, accomunata da una spiccata propensione alla bottiglia e dalla voglia di raccontare le proprie miserie e nobiltà. Una ricchezza che andrà perduta se nessuno fisserà su carta la storia di questo bar unico al mondo, aperto ogni giorno ventiquattro ore su ventiquattro grazie alla tenacia di Lumaca testarda, fondatore e padrone del leggendario ritrovo. Il compito viene affidato a Pezzi di vetro, cliente storico del locale, ex insegnante elementare amante del vino e delle belle lettere. Quaderno alla mano, sarà lui a raccogliere le confessioni di habitué e gente di passaggio. C'è quello dei Pampers, che prima di essere spedito dalla moglie nel terribile carcere di Makala amava consolarsi con le prostitute del quartiere Rex; il Tipografo, che ha avuto la malaugurata idea di sposare una francese, fonte di ogni sua disgrazia; Rubinetta e Casimir, che si misurano nella gara per la pisciata più lunga. Ma al centro di tutto rimane lui, [...]
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Commenti
Se vuoi inserire un commento a questo documento o indicare con un voto da 1 a 5 la tua preferenza inserisci il tuo codice utente e la tua password dal pulsante Accedi in alto a destra.
Non sei ancora un nostro iscritto? REGISTRATI ON-LINE!!
  • 29/06/2020
      

    Un libro veramente delizioso. Pezzi di vetro ha l'incarico da Lumaca testarda, padrone della bettola Pezzi di vetro, di scrivere le storie dei componenti la varia umanità che si avvicenda ai suoi tavoli. Ne escono fuori storie dolorose, ma raccontate con un sottile senso di umorismo che ti portano a leggere sorridendo, a volte anche ridendo, il libro dello scrittore congolese Alain Mabanckou. Soprattutto però questo libro è un inno alla letteratura mondiale, un trattato di filosofia spiccia, la dimostrazione di una profonda conoscenza della storia. Alla fine l'elenco degli autori citati o ricordati è un elenco di tre pagine. Ci ritrovi tutti, da Proust a Macando, da Aristotele al giovane Holden che vuole insistentemente sapere delle anatre, dove vanno a finire. Per una che ama la letteratura come me, è stato un vero piacvere, un godimento dello spirito che consiglio a tutti. I vari capitoli non hanno punti, ma solo virgole, ma questo non dà fastidio, fa tutto parte del gioco del testo, in fondo Pezzi di vetro scrive solo appunti su un quaderno.
    Hai trovato utile questo commento? SI NO   |   Segnala come inappropriato